digitale

La tua azienda propone servizi o prodotti dedicati alla Generazione Z e ti stai chiedendo come fare a raggiungere il tuo target in modo diretto sfruttando i Social Media?

Il Social Media Marketing è una branca del Digital Marketing che permette di sfruttare i social per raggiungere e fidelizzare le persone giuste in modo diretto e coinvolgente. La scelta dei social migliori per promuovere la propria realtà aziendale deve partire dalla valutazione delle caratteristiche del target in quanto non tutti vengono utilizzati allo stesso modo dalle stesse persone; in linea generale, una prima, importante distinzione che può essere fatta e che fornisce interessanti informazioni circa le caratteristiche dei tuoi potenziali clienti è quella generazionale. La Generazione Z, nota anche come iGeneration, Post-Millenial o Zoomer, è quella che include i primissimi nativi digitali, ossia le persone nate tra il finire degli anni Novanta e il primo decennio del nuovo millennio; per raggiungere questa fascia di popolazione tramite i social potrai condividere video su Youtube, pubblicare stories su Instagram, fare Tik Tok ads e altro ancora.

Di seguito ti spiegheremo come raggiungere la Z Generation e come conquistarla sfruttando i Social Media.

Chi è la Z Generation

Con il termine Z Generation o Generazione Z si fa riferimento a quella fascia di popolazione nata all’incirca tra il 1996 e il 2012, che oggi ha un’età compresa tra i 10 e i 26 anni. Si tratta in sostanza dei primi nativi digitali, figli della Generazione x e succeduti in ordine di tempo alla generazione y, nota come Millenials.

I rappresentanti della Generazione Z hanno spiccate caratteristiche multiculturali, sono legati ai concetti di integrazione e sono interessati a tutto ciò che è unico; il loro livello di istruzione è tendenzialmente elevato e sono praticamente nati con il cellulare in mano. Essendo nati in un periodo in cui internet era già una realtà consolidata, vivono senza problemi la realtà multimediale e digitalizzata dei social, la quale non subisce distinzioni nette da quella offline.

Quali sono le caratteristiche della Generazione Z

I rappresentanti della Generazione Z sono ancora in buona parte minorenni; per questo motivo si tratta di una generazione estremamente attiva online e sui social, ma che non fa molti acquisti online. Ripongono molta fiducia negli influencer e li seguono volentieri, preferendo i loro contenuti a quelli realizzati direttamente dalle aziende.

Tra le piattaforme più utilizzate dalla generazione Post-Millenial troviamo Tik Tok, Youtube e Instagram. Utilizzando più social contemporaneamente, tendono a manifestare un livello di concentrazione più bassa; questo obbliga chi vuole far colpo su questo target a puntare su messaggi brevi, rapidi , incisivi e coinvolgenti. La lunghezza massima è di circa 12 secondi; entro questo tempo è necessario far breccia nel cuore del giovane consumatore per evitare che passi oltre.

Come colpire la Generazione Z ed evitare che passi oltre

Come abbiamo detto, la Generazione Z è caratterizzata da:

  • un basso livello di concentrazione
  • uno scarso potere d’acquisto, soprattutto online
  • un forte interesse verso gli influencer
  • una vita sempre connessa, soprattutto tramite dispositivi mobili.

Partendo da questi quattro punti e dai social maggiormente utilizzati, possiamo capire immediatamente come colpire nel segno.

In primo luogo, dovremo puntare su una comunicazione rapida, divertente e incisiva; i contenuti più importanti dovranno essere veicolati da influencer legati al nostro ambito di produzione, che abbiano un buon seguito tra i rappresentanti della Generazione Z. Anche gli advertising dovranno essere molto brevi, meglio se accompagnati da video che riescano a trasmettere il messaggio principale o agganciare l’attenzione dell’utente entro i primi 12 secondi.

Di Andrea

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.