Home page
Informazioni
Carta della qualità dei servizi
Visita al museo
Catalogo delle opere
Mostre ed Eventi
Contatti
Links

separatore
 
Ultime notizie:
separatore
 
Ricerca interna:
separatore
 
Polittico Guidalotti
14 14b 14c

A commissionarlo fu Elisabetta Guidalotti, sorella di Benedetto, vescovo di Recanati e tesoriere pontificio durante il pontificato di Martino V. La raffinata cultura umanistica della dotta committente emerge nelle scelte iconografiche operate, in particolare nei santi, tutti distintisi per sapienza e dottrina, simboleggiate dal libro, attributo di ben dodici tra i sedici raffigurati. Emblematiche in tal senso le ultime parole vergate nel volume mostrato da san Domenico: “Quando verrai… portami anche i libri, specialmente le pergamene”.

L’espressione, desunta dalla seconda lettera di San Paolo a Timoteo, è un omaggio all’umanista Tommaso Parentucelli da Sarzana, eletto papa col nome di Niccolò V il 6 marzo 1447, rappresentato con grande attenzione ritrattistica proprio nelle vesti di san Domenico. Questa identificazione ha permesso di collocare la realizzazione del polittico di Perugia tra l'estate del 1447 e quella del 1448. Nel dipinto l’Angelico coniuga le reminiscenze tardogotiche di Lorenzo Monaco e di Gentile da Fabriano con la costruzione plastica di Masaccio e le novità rinascimentali di Lorenzo Ghiberti, attraverso un linguaggio pittorico indirizzato verso una ricerca sempre più approfondita della potenzialità della luce, anche per la frequentazione della pittura fiamminga.
 

Secondo Piano Terzo Piano