Gli Asparagi sono un ortaggio particolare, sia per la forma, a bastoncino, sia per il gusto che è davvero particolare ed unico. Entrano nell’alimentazione umana costituendo un ingrediente di moltissimi piatti, dai secondi, ad esempio con uova, ai risotti o altri piatti anche molto pregiati. Hanno molte proprietà positive e possono dare molti benefici all’organismo.

Cosa sono gli Asparagi

A vedere la loro forma, non verrebbe mai il sospetto che gli asparagi appartengano alla stessa famiglia botanica di cipolle ed aglio. Questi ultimi, infatti, hanno una forma bulbosa mentre gli asparagi si ergono dal terreno sotto aspetto di bastoncino.

Molto diverso anche il sapore per cui anche chi non ama cipolle e aglio può tranquillamente consumare questo ortaggio dal gusto intenso e molto particolare. Gli asparagi sono costituiti da radici da cui originano germogli che escono dal terreno e questa è la parte edibile dell’asparago.

Possono essere raccolti a partire da gennaio e raggiungono l’apice di maturazione in primavera. Vanno raccolti quando i germogli non sono ancora molto cresciuti in quanto quando si ingrossano diventano più consistenti e perdono anche un po’ in sapore.

Gli asparagi hanno un colore verde ma esistono anche varietò con sfumature sul violetto e in commercio si trovano anche quelli bianchi che sono tali solo perchè mantenuti coperti dalla luce e quindi non sviluppano la sintesi clorofilliana, quindi in realtà non sono una varietà a parte.

Proprietà degli Asparagi

Gli Asparagi contengono una notevole varietà e quantità di sostanze utili all’organismo. Sono poche le calorie che apportano, soltanto 24 per ogni 100 g, quindi sono assolutamente adatti anche nei regimi alimentari ipocalorici.

Contengono molta acqua e tante fibre. Questo apporto di fibre favorisce il transito intestinale, quindi regolano il funzionamento di questo apparato. Sappiamo bene come un aumentato transito intestinale comporti un ridotto assorbimento di sostanze tra cui quello che interessa di più sono gli zuccheri e i grassi, primo tra tutti il colesterolo.

Proprio per questa loro caratteristica, sono indicati nell’alimentazioine dei diabetici mentre la riduzione del colesterolo assorbito va a vantaggio della riduzione dei rischi di incidenti cardio-vascolari.

Se andiamo a vedere le sostanze contenute, notiamo una significativa presenza di minerali tra cui spicca il potassio ma ne sono presenti anche diversi altri importanti.

Il potassio ha un ruolo importante nella funzione cardiaca e nella circolazione sanguigna. Negli asparagi è contenuta poi una sostanza particolare, l’Asparagina, che ha grandi oroprietà diuretiche e depuranti. Con questo effetto è utile nella riduzione della pressione arteriosa e nel mantenimento della funziionalità renale e del fegato, aiutando nel contempo nell’eliminazione delle tossine, svolgendo così la sua funzione depurativa.

Altra sostanza particolare è la rutina, un flavonoide che ha la capacità, oltre a contrastare l’ossidazione dei tessuti, anche di rinforzare la parete dei capillari, migliorando il microcircolo e contrastando, insieme alla funzione diuretica dell’asparagina, la cellulite e il ristagno liquido nei tessuti.

Benefici degli Asparagi

I benefici degli asparagi non si esauriscono con quanto finora detto. L’alta presenza di Vitamina C rinforza il sistema immunitario, quindi aumenta le difese verso infezioni di vario genere. La stessa vitamina è fondamentale per la formazione del collagene, migliorando l’aspetto della pelle.

Lo stesso, la Vitamina C partecipa all’assorbimento del ferro, aiutando a contrastare gli stati anemici che hanno alla base una carenza di ferro nell’organismo.

Presenti anche molti folati. Questi, assorbiti dall’intestino, vengono trasformati a forniscono quantità di acido folico. Questa sostanza è fondamentale nella sintesi dell’emoglobina, la proteina che si trova nei globuli rossi e che ha il grande compito di legare a se l’ossigeno che porta a tutte le cellule del corpo.

L’acido Folico, perciò, è fondamentale nel contrasto all’anemia ma ha anche una importanza primaria nel difendere il feto da pericolose e gravi malformazioni. Importante anche la sua funzione nel funzionamento del sistema nervoso.

Gli asparagi devono  essere consumati con attenzione o, meglio, evitati da chi sa di avere allergie a cipolla e aglio e da chi soffre di problemi di calcoli renali, per via della presenza di acido urico che peggiora i calcoli stessi.

Le donne in allattamento devono evitare gli asparagi in quanto questi danno un cattivo gusto al latte che non verrebbe più assunto, per questo motivo, dal bambino.

Di Andrea

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.